Il Festival - Parole Spalancate
Attivo dal 1995, il Festival Internazionale di Poesia di Genova “Parole Spalancate” è la più grande e longeva manifestazione italiana di poesia
Festival, poesia, Genova
747
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-747,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Il Festival

Il Festival

festival Internazionale di poesia di Genova

Attivo dal 1995, il Festival Internazionale di Poesia di Genova “Parole Spalancate” è la più grande e longeva manifestazione italiana di poesia, con oltre 1300 poeti e artisti intervenuti nelle 23 edizioni fin qui effettuate, 120 eventi gratuiti ogni anno, 11 giorni consecutivi di programmazione e un format esportato in vari Paesi tra i quali Belgio, Francia, Finlandia, Giappone, Germania.

Il Festival presenta la poesia in tutte le sue forme, dai classici alle ultime tendenze, e in rapporto alle altre arti, in particolare musica, cinema, teatro, arti visive.

Oltre alle letture e spettacoli sul palco principale, il Festival offre eventi in 30 luoghi di Genova e di altre città, con la lettura itinerante del Bloomsday, con la Notte della Poesia, con le visite guidate dei Percorsi Poetici, con le iniziative Poeti Dentro dedicate ai detenutiHo visto una voce! inerente la Poesia in Lingua dei Segni, con le sinergie con il festival Voix Vives di Sète e la piattaforma europea Versopolis, con le proiezioni di Poevisioni, con le conferenze della Ricostruzione poetica dell’universo, con le numerose mostre tematiche.

In occasione del 20° anniversario è stata pubblicata da “Libero di scrivere Edizioni” l’antologia “Venti di poesia”, un volume che per la prima volta vede insieme autori quali i premi Nobel Soyinka, Walcott, Coetzee e Milosz, e poi Mutis, Montalban, Darwish, Adonis, Evtushenko, Ferlinghetti, Gelman, Giorno, Grünbein, Guerra, Luzi, Sanguineti, Harrison, Jodorowsky, Komunyakaa, Pietri, Roubaud, Sidran, Strand, Welsh e altri cento ancora, tutti venuti al Festival in questi anni.

Perchè

Dal 1995 organizziamo questo Festival…

  • … per presentare la poesia in tutte le sue forme e in rapporto con le altre espressioni artistiche, in particolare musica e arti visive;
  • …per contribuire alla divulgazione della poesia contemporanea italiana e internazionale;
  • …per riscoprire e valorizzare autori noti o dimenticati del passato;
  • …per produrre nuovi spettacoli di poesia e far nascere collaborazioni fra autori;
  • …per contrastare l’avanzare dell’armata dell’ombra fatta di ignoranza, superficialità, indifferenza e superbia;
  • …per contribuire alla rinascita artistica e culturale ;
  • …per stimolare la traduzione, pubblicazione e veicolazione di nuovi autori stranieri in Italia e italiani nel mondo;
  • …per creare oasi dove sia possibile uno scambio culturale, linguistico e interpersonale in mezzo all’aridità superficiale del “politicamente corretto”;
  • …per ribadire che arte, cultura, passioni, sogni non sono inutili come impone il pensiero dominante ma che al contrario sono le colonne portanti della nostra vita;
  • …perché la poesia e la sua profondità sono più che mai necessarie in questa epoca dominata dall’ipervelocità superficiale;
  • …per riflettere, emozionarsi e divertirsi con autori noti ed emergenti